All posts filed under “Post

comment 0

Cancellare il diverso

Di questi tempi tutti chiedono ai loro amici di Facebook di cancellarli se votano SÌ o NO al referendum, una cosa che trovo tristissima nonché pericolosa. Io sarò meno severo: se qualcuno di voi pensa di fare questo acquisto è pregato di cancellarmi dagli amici.… Read More

comment 0

Cavallo di razza

Nei prossimi venti giorni, da una parte vedremo un certo becerume propagandistico ormai diffondersi a macchia d’olio da entrambe le parti, senza soluzione di continuità. Dall’altra, noteremo un abbassamento di tensione, un recidersi del legame che sembrava imprescindibile tra risultato del referendum e futuro di… Read More

comment 0

Il No di Civati

Comunque, che vinca il SÌ o che vinca il NO, Pippo Civati pare l’unico leaderino della sinistra fuori dal Pd a star facendo una campagna decente e minimamente riconoscibile anche da quelli che non sono mai stati con lui, ex-SELleroni in primis. Che lo nominano… Read More

comment 0

Materia resiliente

In Tv, sui giornali, nei dibattiti all’interno delle università, i liberal e i progressisti americani stanno discutendo con mente aperta, in maniera onesta, dura e consapevole del futuro del Democratic Party e non solo. Non hanno paura di fare il nome di persone, posizioni e… Read More

comment 0

Facebook, il vero e il falso

Fossi Mark Zuckerberg, non mi prenderei l’enorme responsabilità di definire il vero e il falso. Capisco la sua perplessità. Solo che, a quel punto, “liberalizzerei” anche l’algoritmo. Pura neutralità, pluralità random per tutte le bacheche del mondo. Se avessi a cuore un ambiente virtuale sano,… Read More

comment 0

Politica e consenso

Incomincio a non capire più la distinzione tra “una scelta politica” e “una scelta politica fatta con lo scopo di aumentare il proprio consenso”. Cioè, non capisco perché una delle due sia più o meno apprezzabile o riprovevole dell’altra. Non che non capiti di dover… Read More

comment 0

Lobbisti in transition

Nulla da dire contro i lobbisti. Qualcosa da dire su quelli che ieri lavoravano per degli interessi ben precisi, ed oggi si ritrovano a guidare il transition team della Casa Bianca su temi chiave quali energia e telecomunicazioni. Ma mica è colpa loro, eh, è… Read More