comment 0

Pensioni parlamentari, Pd e M5S: Quando sei martello batti, quando sei incudine statti

Questo deve mettersi in testa il Partito Democratico di fronte alla proposta di Di Maio e co. di ricalcolare le pensioni dei parlamentari col metodo contributivo. Proposta che fu fatta ugualmente da Matteo Richetti due anni fa, con il Governo Renzi in carica e a referendum costituzionale non ancora perso. Quando il Pd era ancora martello, insomma.
A mio avviso, mettersi a fare ora la polemica su chi ha presentato prima lo stesso provvedimento, polemica che inevitabilmente porterà ad un ritardo incomprensibile – per i cittadini – nell’approvazione dello stesso, sarebbe l’ennesimo errore del Pd, che in quanto forza ancora al governo, è vista dalla maggioranza degli italiani non solo come l’ostacolo alle elezioni, ma anche come il partito che vuole regalare l’indennità ai parlamentari, che scatta il 15 settembre. 

Di Maio e soci, da martello quale sono ora, otterrebbero di essere i primi firmatari del provvedimento, certo, al quale comunque Richetti e il Pd, che in questo momento recita la parte dell’incudine, possono sempre aggiungere il suo autografo. Per una volta, in ogni caso, potrebbe essere compiuto, un sacrosanto atto bipartisan. Cogliendo la chance di togliere ai pentastellati la scusa idiota del “Non ci approvano mai nulla, non ascoltano il popolo italiano!”. Insomma, ridursi ad incudine, a volte, farebbe proprio bene a tutti.

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...