comment 0

La lettera di Michele 

Michele non lamenta una condizione economica particolare, o un’invidia nei confronti di altri, e non nomina mai il fantomatico ruolo dello Stato nel perché della sua condizione lavorativa. Non nomina neanche proprio mai lo Stato, a dirla tutta, se togliamo il P.S. su Poletti. Ripete più volte, piuttosto: “Non posso pretendere, non posso pretendere niente”. 

Credo che la situazione sia stata più complessa, anche a livello personale, ma che si possa estrarre dalla storia una riflessione in particolare. E cioè che per molti l’ideologia del “massimo” da raggiungere ad ogni costo, così come l’ossessione del “vincere” (ma contro chi? o cosa? a quale gioco?) non sono più sostenibili, nell’era un po’ crepuscolare che ci ritroviamo a vivere. 

Così si arriva a chiedersi “ma chi me lo fa fare?”, e si sceglie lucidamente di mollare. E la logica dietro – come riconosce lo stesso Michele – è straziante ma cristallina. Perfettamente cristallina. 

Perfettamente logico, ma affatto giusto. La giustizia non è logica.

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...