comment 0

Cosa ho visto al rally di Trump?

Ho visto famiglie apparentemente normali, con tanto di bambini, così come gente un po’ più strana/white thrash fanatici di Harley Davidson in gilet di pelle, così come padri che, essendo noi italiani, ci hanno prima di tutto chiesto della Beretta e della Benelli (o Benetti?), e poi hanno scherzonato tantissimo sulla pizza EHEH! tante battute SIMPATICISSIME su Hillary Clinton e i Dem, così come signore di 80 anni urlare “Lock Her Up!” un po’ di cinesi, e due ebrei ortodossi con kippah e trecce cappelli venduti per 20$, e qualche giovane latino e afroamericano fomentati

Dal palco, una serie infinita di cliché e boiate micidiali da parte dei surrogates, che non sto qui a documentare. Ma i repubblicani ci sono, sono tornati a casa

L’atmosfera? Un po’ greve, da assedio, da reazione, da matto che potrebbe scattare da un momento all’altro, ma in fin dei conti non minacciosa: gente alla fin fine piuttosto pacifica

Trump? Solito canovaccio, e dopo altri cinque comizi in cinque stati in un solo giorno, magari era anche un po’ stanco. Mactuto notare una cosa importante: ciò che infiamma tanto i fan, a parte i cavalli di battaglia come il muro (BUILD THAT WALL!), è una questione molto pratica come l’Obamacare, che non so per quale dinamica (prometto che ci studio) sta provocando rialzi vertiginosi dei premi delle assicurazioni (la mafia) in tutti gli Stati Uniti.

Insomma: se fai una roba che poi si rivela funzionare male, lo paghi. Se non spieghi alla gente le conseguenze inevitabili del futuro (e cioè, che i miners in miniera non ci torneranno più, e c’è poco da fare), lo paghi.

Esperienza memorabile, ma anche mai più.

Annunci
Filed under: Personale, Politica, Post

About the Author

Pubblicato da

A Southern italian transplanted in the first province of the ancient empire, Rome, and then in (one of) the capital(s) of the modern one, London. A bachelor in Political Science and International Relations, a Master of Arts in Political Communication at City University London (still to complete). An endless passion for politics, with a predilection for electioneering and communication. Fire in the eyes for Public Relations and a more just and transparent Lobbying. Social media geek, with a great interest in the development of the World Wide Web, and an harshly critical look over media and information issues (mediabias.it). Curiosity, always and for anything. Politically, a leftist progressive. One motto in the head, since the very childhood: "Leave the world a little better than you found it".

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...