comment 0

“Possiamo cambiare?”

Quasi 300 pagine, in quasi 7 ore, quasi di continuo. Non leggevo così da tanto, leggevo di solito così quand’ero bambino. L’antologia di Bocca, i suoi pezzi corti ma diritti e acuti ed efficaci. Accompagnati dal sole pigro del Lazio stanco, le verdi colline della Toscana e il suo fango fresco, una stretta e panoramica e grigia Genova, la nebbia Padana che con mio padre -come in una sorta di telepatia – mi ha fatto pensare a quanto dovevano essersi sentiti sradicati i meridionali come noi, qui, in esilio di vita. Agrodolce da vigilia, facce italiane in umido freddo che sembra olandese, mio nonno che – nonostante tutto- sembra sempre più saggio, a far pipì nella foschia. Italia così bella e maledetta e contraddittoria, che non puoi che chiederei, in doverosa prima persona plurale: “Possiamo cambiare?”

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...